SMS Bufala
Avis Comunale di Domodossola
c/o Ospedale S. Biagio - Largo Caduti Lager Nazisti n°1
28845 Domodossola (VB) Tel. 0324.491272
s e g r e t e r i a @ a v i s d o m o . i t
C.F.:92003540033

APPELLI PER IL SANGUE: SPESSO SONO VERE BUFALE  di Edorado Stucchi - CORRIERE DELLA SERA 

L’appello era girato come Sms sui telefonini e come e-mail via Internet già a marzo 2007 e, dopo un’interruzione, eccolo ricomparire nei primi giorni del 2008. Chiedeva sangue di un certo tipo per un bambino colpito da leucemia e ricoverato all’ospedale Meyer di Firenze. «Questo appello è infondato» si è subito preoccupato di comunicare l’ospedale, per bloccare la catena di Sant’Antonio che stava mandando in tilt il centralino della struttura. «Non c’è alcuna emergenza sangue - precisa un comunicato del Meyer -. Tali iniziative non favoriscono il nostro lavoro, anzi lo bloccano». Anche Fidas, la Federazione delle associazioni del sangue e l’Avis hanno informato della «bufala» gli iscritti con messaggi sui loro siti.
Ma perché spuntano questi appelli? E quale obiettivo si pongono i loro ideatori? «Purtroppo, - spiega Giuliano Grazzini, direttore del Centro nazionale sangue - pare che nemmeno la Polizia postale, competente per questi eventi, sia riuscita a trovare il bandolo dellan certezza alla gente è di non prestare attenzione a questi appelli, perché l’emergenza in Sanità non può essere risolta con spinte emozionali. II sistema italiano di raccolta sangue è fondato sull’associazionismo e sulla donazione volontaria’ di persone conosciute che, con il loro stile di vita sano, garantiscono sangue sicuro. Fortunatamente, grazie al milione e 65omila donatori possiamo garantire le trasfusioni in tutti gli ospedali italiani, mentre per i prodotti emoderivati (albumina, immunoglobuline e fattori della coagulazione) dipendiamo ancora in parte da Germania e Stati Uniti».
Eppure, a volte le richieste di donazioni partono da strutture sanitarie e reparti qualificati. «E vero, - precisa Grazzini - ma questi episodi non devono accadere. Va chiarito che il sangue donato in queste circostanze non serve al familiare ricoverato, ma va ad aggiungersi alle scorte generali. In ogni caso, si deve evitare di formulare richieste ai parenti del malato, nel momento in cui sono provati dalla malattia del congiunto, perché donare sangue periodicamente è una forma di solidarietà civile, a beneficio di tutti».

RADIO SIVA

Acqua Lindos

LINK

  • Asl 14 Piemonte
  • AVIS Nazionale
  • Avis Piemonte
  • D.O.M.O. Donatori Ossolani Midollo Osseo
  • Radio RTO - l

ATTENZIONE

  • 5 x 1000 all
  • Oblazioni verso Avis di Domodossola
  • Accesso internet sede Avis

La sede

Per contattarci

  • Per contattarci
  • Per contattarci

Sito creato e gestito da Paolo Novaria

eXTReMe Tracker

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.